Duemila SCOUT a Villa Guardia

Sabato 23 aprile si aprirà ufficialmente a Villa Guardia il San Giorgio regionale del Corpo Nazionale Giovani Esploratori Italiani la cui Sezione di Como festeggia quest’anno il Centenario.

L’evento, patrocinato dal Comune di Villa Guardia, si protrarrà fino a lunedì 25 aprile e vedrà coinvolti circa duemila ragazzi tra gli 8 e i 19 anni provenienti da ben 12 Sezioni lombarde a cui si aggiunge quella di Torino. I giovani scout saranno chiamati a svolgere attività relative al tema del campo che quest’anno è dedicato all’Accoglienza nelle sue molteplici forme.

La macchina organizzativa, già collaudata nelle edizioni precedenti di Zanica 2008 e Seveso 2012, quest’anno si avvarrà del supporto logistico della Sezione Scout CNGEI di Como, sara’ guidata dal Commissario Regionale Lombardia Giampino Vendola della Sezione di Bergamo, e dal Capo Campo Maurilio Longhin della Sezione di Cesano Maderno.

Centro nevralgico del raduno sarà il Parco di Villa Balestrini messo a disposizione dall’Amministrazione Comunale, che ha contribuito in modo determinante alla realizzazione del campo. Il parco resterà comunque aperto al pubblico, per permettere a tutti di poter visitare l’evento. Hanno contribuito anche: l’Istituto Comprensivo di Villa Guardia, offrendo ospitalità presso le scuole comunali, la Pro loco locale, la Croce Rossa di Lurate Caccivio e l’Associazione ”Isola che c’è” sostenendo in vario modo l’iniziativa. In particolare la famiglia Carnini ha messo a disposizione il “Ranch Gaudenzia” dove sorgerà il campo tende degli Esploratori.

La “tre giorni” in programma prevede anche la partecipazione di una decina di alunni delle scuole primarie dell’I.C. di Villa Guardia che avranno così l’opportunità di conoscere e apprezzare “ sul campo” le attività e più in generale il mondo scout.

Il San Giorgio Regionale Lombardia & friends 2016 si concluderà lunedì 25 aprile alle ore 14.15 nel parco di Villa Balestrini con la cerimonia dell’Ammaina Bandiera ed il tradizionale “Canto dell’Addio”.

Leggi l'articolo completo su "La Provincia"